“Il biancolella è il vitigno che, più d’ogni altro prodotto, si è acclimatato meglio a Ponza ed ha sviluppato un carattere tutto proprio e ben definito (…) Circa venti fa Emanuele Vittorio ha recuperato antichi vigneti a piede franco che furono del nonno Benedetto Migliaccio, in località Punta Fieno, ormai sommersi da sterpaglie, e fonda Antiche Cantine Migliaccio. Solo 4 ettari di vigneti, per una produzione totale di circa 10 mila bottiglie, di cui 5.000 di biancolella.” Biancolella in purezza e il Fieno di Ponza, un blend di Biancolella con un saldo di forastera ed altri vitigni locali, sono i vini di punta delle Antiche Cantine Migliaccio.

Per l’articolo completo cliccare sul link riportato alla voce fonte

Antiche Cantine Migliaccio told by Antonio Di Spirito leading us to discover Ponza Island: “Biancolella is a grape variety that is better adapted to Ponza developing its own features (…) About twenty years ago, Emanuele Vittorio recovered ungrafted ancient vines belonging to his grandfather Benedetto Migliaccio, at Punta Fieno area (Ponza), which were covered by brushwood, so he founded Antiche Cantine Migliaccio winery. Just four hectares of vineyard, producing ten thousand bottles, of which five thousand of Biancolella 100%.” The Biancolella 100% and the Fieno di Ponza white, a blend of biancolella and forastera varieties, are the flagship of Antiche Cantine Migliaccio.

For the entire article click on the link below, please

Fonte: www.lucianopignataro.it

Categories: News

Comments are closed.