il-verro-sheep

“L’azienda casertana Il Verro ha riscoperto il vitigno coda di pecora e, per ora unica in Italia, ne ricava un vino intrigante: Sheep. Forte della scoperta di questo vitigno e dei suoi ottimi risultati in vinificazione, l’azienda Il Verro ha avviato fin dal 2005 le pratiche per l’iscrizione del coda di pecora nel Registro nazionale delle varietà, e con l’annata 2011 ha ufficialmente iniziato la produzione di Sheep, Terre del Volturno Igt. Il vitigno cresce in azienda su terreno vulcanico che conta la presenza del silex (silicio a scaglie) che regala ai vini note acri e un notevole potenziale di invecchiamento. Le uve sono vinificate e affinate in acciaio, conservando così i chiari profumi freschi di mela annurca, di canfora e di tiglio selvatico che contribuiscono alla sua pienezza gustativa. Un vino, lo Sheep, con spiccata sapidità e freschezza, che con il passare degli anni sviluppa una personale nota organolettica di eucalipto e poi di fumé.” (Antonella Amodio)

Per l’articolo completo cliccare sul link riportato alla voce fonte.

“Il Verro winery from Caserta area (Campania region) rediscovered Coda di Pecora (Sheep Tail) vine, till today the only in Italy, obtaining a very intriguing white wine, so called “Sheep”.  Thanks to the discover of this grape variety and of its excellent outcomes by vinifing, in 2005 Il Verro started the forms to subscribe the Coda di Pecora in the National Register of grape varieties, and with the 2011 vintage it officially started the Sheep production, Terre del Volturno Igt. This vine grows in Verro vineyards on a volcanic soil with the presence of silex (such as, silicon shavings), giving to wines sour notes and a remarkable aging potential. The grapes are vinified in stainless steel, saving in this way clear fresh scents of “annurca apple”, camphor and wild lime. Sheep is a wine with a strong sapidity and freshness, that over the time develops a characteristic scent of eucalyptus and then smoked, too.” (Antonella Amodio)

For the entire article click on the link below, please

Fonte: doctorwine.it

Categories: News

Comments are closed.